Corleone

Milioni di persone nel mondo hanno sentito parlare di Corleone: prevalentemente per colpa della mafia, e anche un po' per colpa di Hollywood. Ma pochi di loro l'hanno vista coi propri occhi. E chi l'ha fatto ne è rimasto affascinato...

Il nome, famosissimo nel mondo, evoca ancora inevitabilmente l’infamia della mafia. Quella storica dei boss Riina, Provenzano, Liggio o del sindaco di Palermo Vito Ciancimino. Ma anche quella della finzione cinematografica e letteraria, di Mario Puzo e di Francis Ford Coppola, per quanto neanche una scena della saga del Padrino sia mai stata girata qui.

Pochi però conoscono Corleone veramente: una passeggiata fra gli stretti vicoli del centro storico, un continuo saliscendi di viuzze tortuose e scalinate, vi consentirà di cogliere l’anima genuinamente contadina di questo borgo. E anche di intuire il suo glorioso passato, che gli procurò l’appellativo di “Animosa Civitas” e di “Città delle Cento Chiese”.

Ma Corleone è soprattutto una meraviglia dal punto di vista naturalistico. Ciò che rende questo territorio così affascinante è il contesto roccioso, la muraglia di pietra che la ripara a sud come uno scudo, bastioni di arenaria stratificati nei secoli ed erosi dal vento in forme inusuali. La Rocca Soprana, coronata dalla torre d’avvistamento saracena, dialoga a distanza con un’altra formazione rocciosa bizzarra, la Rocca Sottana: in cima ad essa, assediato dai fichi d’india, sorge un convento che prima fu un carcere, e prima ancora un castello. Da posizione sopraelevata si può ammirare il canyon scavato dal torrente San Leonardo, che serpeggia con le sue pareti a strapiombo alle porte del paese.  All’inizio della primavera, quando ancora il sole si mantiene mite, il torrente scorre copioso. In un punto in particolare fa un salto di alcuni metri, creando le magnifica Cascata delle Due Rocche. Ai suoi piedi, un suggestivo laghetto naturale circondato da fitta vegetazione, dai ruderi di antichi mulini ad acqua e dai resti di un acquedotto di fattura probabilmente araba. 

Oggi, Corleone è anche il luogo del riscatto e dell’orgoglio antimafia. Le amministrazioni che vi sono succedute hanno bene operato, i beni confiscati vengono tutti assegnati e resi fruibili, il CIDMA è un interessante polo di documentazione sul movimento antimafia. Le associazioni giovanili sono molto attive sul territorio: ragazzi e ragazze intraprendenti, ribelli, che amano la loro città e s’impegnano per cambiarla. Sono loro i veri “corloenesi”.

Nella casa confiscata al fratello del boss Bernardo Provenzano è stato realizzato il Laboratorio della Legalità. È una struttura a disposizione delle associazioni locali, che la utilizzano come sede per le proprie attività rendendola fruibile ai visitatori. Vi è esposta una mostra permanente del pittore Gaetano Porcasi: un ciclo di quadri che illustra cronologicamente cent’anni di mafia e di lotte antimafia, raccontati con la forza delle immagini.

TRAVELTOUR Scopri Corleone in questi tour:

  • Sicilia 100% antimafia

    Un viaggio di cinque giorni alla scoperta di luoghi-simbolo dell’antimafia civile e della ribellione antiracket nell’area del palermitano, che offre l’occasione di approfondire i temi dell’impegno e della responsabilità collettiva, dell’educazione alla legalità e del riutilizzo sociale dei beni confiscati. La storia della mafia e del movimento antimafia prende forma dal racconto dei protagonisti, per rivivere le tappe di una lotta che tuttora si combatte e che si vuole vincere.
    • 5 giorni
    • minimo 20
    • 13 -17anni
  • Corleone sorprendente

    Scopri una Corleone che non ti aspetti: un paese incastonato nella roccia, la campagna a perdita d'occhio, la giovialità degli abitanti e l'impegno di chi si batte per il cambiamento.
    • 1 giorni
    • minimo 2
    • su richiesta
  • Palermo e Corleone

    Weekend antimafia. Scopri l'impegno di generazioni di siciliani attraverso i luoghi-simbolo dell’antimafia
    • 3 giorni
    • minimo 2
    • su richiesta
  • Il cuore della Sicilia. NoMafia Bike Tour

    Viaggio in libertà. Fra Palermo e Corleone, nel territorio in cui la mafia è nata e ha proliferato, oggi soffia il vento del cambiamento. Un’intera generazione ha detto di no alla mafia e sta costruendo il nuovo volto della Sicilia. Vi invitiamo a scoprirlo in bicicletta: lentamente, alla velocità ideale per poterne assaporare la bellezza. Con l’impegno e l’entusiasmo di chi conquista la sua meta, tappa dopo tappa.
    • 6 giorni
    • minimo 2
    • su richiesta
  • Sicilia Autentica

    Viaggio in libertà. Palermo, Agrigento e Trapani: un salto fra passato e presente in una delle aree più affascinanti della Sicilia, per conoscerne il volto più autentico.
    • 8 giorni
    • minimo 2
    • su richiesta
  • Sicilia Autentica

    Viaggio in gruppo. Una settimana nella Sicilia occidentale, accompagnati da un mediatore culturale. Un viaggio etico per scoprire bellezze e ricchezze nelle province di Palermo, Trapani e Agrigento. Una Sicilia che si spoglia dei sui cliché per mostrarsi in tutta la sua autenticità.
    • 7 giorni
    • minimo 7
    • data fissa