Spitini a la siciliana

Oggi vi proponiamo gli "spitini a la siciliana", ricetta tipica ricavata dal libro di Antonio Cardella "Sicilia e le isole in bocca"!

Spitini a la siciliana
Prima li fettini di manzu priparati e spianati a duviri. Ora mittitivi lu fadàli, pigghiàti ‘na padedda cu ‘na sbrizza d’ogghiu, jttatici dintra un pugnu abbuccatu di pani grattatu, dui cucchiara di picurinu saliatu, un pugniddu di pignola, un pugniddu di pàssula rispigghiata dintra l’acqua cavuda, ‘nà cipudduzza tagghiata a duviri, sali e pipi e faciti tostari tutti cosi, riminannu cu ‘na cucchiara di lignu.
Pigghiàti ora li fettini, abbagnatili dintra ‘n’anticchia d’ogghiu, stinnicchiatili supra la buffetta e cunzatili, una pi una, cu lu ‘mpastu agghiummuniannulu comu tanti bruciuletta ‘nchicciati cu li spitini. Tra bruciuletta e bruciulietta ‘na pampina d’addauru, e ‘na fiddazza di cipudda. E ora, supra la piastra e…lu Signuri vi benedica.
Spiedini
Che i musicisti siano sempre stati dei buongustai, è cosa nota: valga per tutti la fama di Rossini. Ciò che sorprende è che la tradizione resiste malgrado il caotico ritmo della loro vita nel mondo d’oggi. Con Salvo Sciarrino, giovane e affermato compositore palermitano, ci trovammo, in tempi non lontanissimi, ad alternare lo studio delle esemplari sonate per pianoforte di Haydin, all’indagine attenta sulla contrappuntistica armoniosità della cucina siciliana. Uno studio teorico-pratico a…quattro mani. A Sciarrino riuscivano splendidamente gli spiedini di carne, che realizzava con la medesima, composta genialità dei suoi spartiti. Preparate delle fettine di manzo ben spianate, per un peso complessivo di 700 gr., dedicandovi subito al ripieno. Tostate appena, in poco olio, 6 cucchiaini di pangrattato, nel quale incorporerete 2 cucchiai di pecorino grattugiato, 1 cucchiaio di pinoli ed 1 di uva passa, fatta preventivamente rinvenire in acqua tiepida, e ancora 1 cipolla tritata, sale e pepe. Inumidite d’olio la parte interna delle fettine, distribuitevi un poco del composto e arrotolate la carne in modo da ottenere delle piccole braciole. Infilzatele negli spiedini, alternandole con foglie di alloro e fette di cipolla e cuocetele nella piastra. Vedrete che sempre di musica parliamo!
Beef rolls on spits
It is well-known that composers have always been gourmets: it will be enough to mention Rossini. The surprising fact is that such a tradition still endures in spite of the current chaotic rhythm of their life. In not far-away times we were discussing with Salvo Sciarrino, a young, well-known composer of Palermo, and alternating the examination of the exemplary sonatas by Haydn with an attentive inquiry on the armonious counterpoint of the Sicilian cooking. A theoretic-practical study for “four hands”. Sciarrino was very good at preparing beef rolls on spits, that he used to prepare with the same calm talent he shows in his scores. You need some well flattened beef slices, total weight 700 gms. Roast 6 tablespoons of breadcrumbs lightly in little oil, then enrich it with 2 tablespoons of grated “pecorino”, 1 of pine-seeds, 1 of raisins, previously softened in tepid water, 1 chopped onion, salt and pepper. Grease one side of each beef slice with oil, smear it over with the above mixture, then roll it up. Skewer the rolls alternating them with bay leaves and onion slices, then cook them on the grill. You will see that we are still speaking about music!